201805.02
0

Abilitazioni scientifiche: altri esiti favorevoli ottenuti dal nostro Studio Legale Aiello-Americo

Il TAR Lazio con un’articolata sentenza ha accolto il ricorso proposto dall’avv. Francesco Americo sul fronte abilitazioni scientifiche nazionali.

In particolare il Giudice amministrativo, con la recente sentenza  n. 3493 del 29 marzo 2018, ha affermato diversi principi che potrebbero assumere rilevanza nelle procedure in materia di “abilitazioni scientifiche nazionali” e nei contenziosi avviati o da proporre dinanzi al TAR.

Con riferimento alla discrezionalità della Commissione esaminatrice, il TAR ha avuto modo di rilevare  che “ la cognizione del Giudice Amministrativo ha subito nel corso degli anni una significativa evoluzione, a partire dalla decisione del Consiglio di Stato, sez IV, n. 601 del 9 aprile 1999, con successivo indirizzo giurisprudenziale, che ha evidenziato come spetti a detto Giudice – anche in base al principio, di rilievo comunitario, della effettività della tutela – una piena cognizione del fatto, secondo i parametri della disciplina in concreto applicabile. A tal fine, può ritenersi censurabile ogni valutazione che si ponga al di fuori dell’ambito di esattezza o attendibilità, quando non appaiono rispettati parametri tecnici di univoca lettura, ovvero orientamenti già oggetto di giurisprudenza consolidata, o di dottrina dominante in materia (Cons. Stato sez. IV, 13 ottobre 2003 n. 6201).

Quindi, secondo il TAR tale orientamento “ mira a garantire, attraverso il ricordato principio di effettività, l’esclusione di ambiti franchi dalla tutela giurisdizionale, al fine di assicurare un giudizio coerente con i principi di cui agli artt. 24, 11, 113 e 117 Cost”.

Con la citata sentenza, il Giudice ha anche censurato l’operato della Commissione nella parte in cui, nel formulare il giudizio negativo nei confronti del candidato, ha utilizzato espressioni lessicali generiche e motivazioni generiche.

Tanto ha indotto il TAR Lazio ad accogliere dopo pochi mesi dalla sua presentazione, il ricorso di un candidato al quale era stata negata ingiustamente l’abilitazione scientifica a professore di seconda fascia.

avv. Francesco Americo